La Fondazione Lemine premiata insieme a Esposizione Permanente, Poldi Pezzoli e Festival Internazionale della Letteratura di Mantova

CONTRIBUTI REGIONALI PER ATTIVITÀ CULTURALI: LA FONDAZIONE LEMINE NEI TOP 4

Regione Lombardia, con decreto n. 14338 del 23/11/2020, ha confermato la concessione di un contributo di € 25.000,00 alla Fondazione Lemine, attribuendo 73 punti al festival «Antico Lemine». Si tratta della terza annualità del bando «Promozione Educativa Culturale Iniziative Triennali 2018/2020», a cui la Fondazione ha partecipato in qualità di Soggetto di Rilevanza Regionale (riconoscimento ottenuto nel 2018 sul segmento «Iniziative di promozione per la valorizzazione dei beni culturali immobili»).

Il punteggio assegnato colloca la Fondazione al quarto posto di una graduatoria che contempla 18 importanti istituzioni lombarde, preceduta solamente da Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, Fondazione Artistica Poldi Pezzoli Onlus e Comitato Organizzatore del Festival Internazionale della Letteratura in Mantova.

La condivisione di questo riconoscimento con realtà tanto prestigiose all’interno del panorama culturale lombardo (e non solo) conferma l’elevato profilo culturale delle attività messe in campo dalla Fondazione: il tradizionale festival «Antico Lemine», giunto alla sua tredicesima edizione, compie un importante passo avanti in direzione della promozione dei beni culturali lombardi attraverso l’interazione con altre realtà di produzione culturale del territorio lombardo, sia di recente costituzione (come l’Associazione Lombarda Piccole Comunità con Grandi Patrimoni Culturali, con cui già da un biennio è in essere una forte cooperazione) che di più antica tradizione: nel 2020 è stata creata una Rete tra Soggetti di Rilevanza Regionale attivi nel campo della valorizzazione dei beni immobili insieme a Centro Camuno di Studi Preistorici, Fondazione Castello di Padernello, Associazione Amici di Villa Litta di Lainate.

Da segnalare il consolidamento del progetto Archeologia dell’Edilizia Storica, giunto alla terza annualità, che prevede la ricognizione degli edifici di importanza storica attivata grazie alla collaborazione degli specialisti di Archeologia dell’Architettura dell’Università Cattolica e al consistente sostegno economico offerto ai Comuni interessati (a oggi 20) dal BIM del Lago di Como e dei fiumi Brembo e Serio.

Infine, è fase di avvio la procedura per la costituzione del Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale «Small Communities with Great Cultural Heritage», che fungerà da autorevole portavoce a livello europeo a quei centri di minori dimensioni (sotto i 25.000 abitanti) che, pur senza poter disporre di risorse operative e finanziarie, hanno però la grande responsabilità di dover assicurare un futuro sostenibile a una quota del patrimonio culturale europeo superiore, sia a livello qualitativo che quantitativo, a quella dei centri urbani di dimensioni maggiori; è già stato stabilito che la comunità degli Almenno avrà il privilegio di ospitare presso la Fondazione Lemine la sede del prestigioso organismo europeo.

Condividi sui social
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp